Dichiarazioni fiscali: 730, 770, Certificazione Unica, dichiarazione dei redditi per persone fisiche e Società

Le dichiarazioni fiscali previste dal nostro ordinamento si distinguono a seconda del dichiarante, di ciò che è dichiarato e a chi si rivolgono. Vediamole nel dettaglio.

CERTIFICAZIONE UNICA (Certificazione Unica 2017)

La Certificazione Unica 2017 (CU) attesta i redditi di lavoro dipendente, assimilati, i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni e redditi diversi, i contributi previdenziali e assistenziali. Viene compilata dai sostituti d’imposta e rilasciata al percettore delle somme, utilizzando il modello “sintetico” entro il 31 Marzo mentre la trasmissione all’Agenzia delle Entrate, del modello “ordinario” deve essere effettuata entro il 7 Marzo, in via telematica.

Chi è obbligato a presentare la Certificazione Unica? Il datore di lavoro, l’ente pensionistico o altro sostituto d’imposta come le   amministrazioni   della  Camera dei deputati, del Senato e della Corte  costituzionale, nonche’   della   Presidenza   della Repubblica e degli organi  legislativi delle regioni a statuto speciale, che effettuano, all’atto del pagamento, una ritenuta d’acconto dell’imposta   sul   reddito   delle   persone fisiche.

Nello specifico, quali redditi e valori si attestano? Redditi da lavoro dipendente, equiparati e assimilati come definiti agli art. 49 e 50 del TUIR; redditi da lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi così come descritti agli art. 53 e 67 del TUIR; provvigioni anche occasionali per rapporti di agenzia o come procacciatore d’affari nonché derivanti dalla vendita a domicilio; compensi erogati a seguito di pignoramenti presso terzi; somme derivanti da procedure di esproprio; corrispettivi per contratti d’appalto; indennità per cessazioni di rapporti d’agenzia, funzioni notarili o attività sportiva; ritenute d’acconto operate e detrazioni effettuate come nel caso dei rappresentanti (di seguito un esempio pratico).

Quali sono i termini di presentazione? Entro il 31/03 dell’anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono corrisposti; entro 12 giorni nel caso di dipendente che abbia cessato il rapporto di lavoro con il sostituto d’imposta, così che possa consegnare tale certificazione al suo nuovo datore di lavoro per il conguaglio nella denuncia dei redditi del lavoratore dipendente.

Come presentarla? Direttamente all’Agenzia delle Entrate per via telematica oppure tramite un intermediario abilitato come i consulenti del lavoro.

Ci sono sanzioni? 100 € per ogni certificazione omessa, tardiva o errata ( se entro 5 giorni non viene inviata quella corretta che sostituisce la precedente).

 

770 (modello 770)

Chi? Sostituti d’imposta, Amministrazioni dello Stato per comunicare i dati relativi alle ritenute operate su redditi da lavoro dipendente, da lavoro autonomo, dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale od operazioni di natura finanziaria e i versamenti effettuati. Inoltre, deve essere compilato per comunicare i dati delle compensazioni operate nonché per l’indicazione dei crediti d’imposta utilizzati e dei dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Quando?  31/07.

 

730 (nodello 730)

Quali soggetti sono interessati?

  • redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co)
  • redditi dei terreni e dei fabbricati
  • redditi di capitale
  • redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva (per esempio prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente)
  • redditi diversi (come redditi di terreni e fabbricati situati all’estero)
  • alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata

Infine, anche in assenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, i contribuenti che nel 2016 hanno percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che nel 2017 non hanno un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio. In questo caso il modello 730 va presentato a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato e nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio” va barrata la casella “Mod. 730 dipendenti senza sostituto”.

Perché presentare il 730? Il contribuente ottiene il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione, a partire dal mese di Luglio (per i pensionati a partire dal mese di Agosto o di Settembre); se, invece, deve versare delle somme, queste verranno trattenute dalla retribuzione o dalla pensione sempre nei medesimi periodi.

Quando presentarlo? 7 Luglio per chi si avvale di un intermediario abilitato come il commercialista mentre il 23 Luglio solo per chi consegna direttamente e autonomamente la dichiarazione precompilata (di cui sopra) all’Agenzia delle Entrate.
Dichiarazione redditi Persone Fisiche (dichiarazione redditi persone fisiche 2017)
Quando? Entro il 2 ottobre 2017

Chi? Tutti i contribuenti sono obbligati a presentare il modello Redditi 2017 esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite intermediario abilitato ( salvo casi particolari come presentare la dichiarazione per conto di deceduti, impossibilità di presentare il 730 nonostante vi si rientri, si deve ricorrere a quadri integrativi del modello di dichiarazione delle persone fisiche). Nello specifico i contribuenti interessati sono chi possiede redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione, redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita Iva, redditi “diversi” non compresi fra quelli dichiarabili con il modello 730, plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati, redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario. Infine presenta tale dichiarazione anche chi, nell’anno precedente e/o in quello di presentazione della dichiarazione, non risulta residente in Italia; deve presentare anche una delle dichiarazioni Iva, Irap, Modello 770.

Modello redditi Società di Persone (dichiarazione società di Persone)

Chi?  Società semplici, S.N.C e S.A.S., società di armamento (equiparate alle società in nome collettivo o alle società in accomandita semplice, a seconda che siano state costituite all’unanimità o a maggioranza), società di fatto o irregolari (equiparate alle società in nome collettivo o alle società semplici a seconda che esercitino o meno attività commerciale), le associazioni senza personalità giuridica, costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni, le aziende coniugali, se l’attività è esercitata in società fra i coniugi (cointestatari della licenza o entrambi imprenditori), gruppi europei di interesse economico (Geie).

Quando? 30 Settembre

Modello redditi Società di Capitali (Dichiarazione redditi Società di Capitali)

Chi? S.p.A e S.a.p.A., S.r.L,  le società cooperative, Onlus e le cooperative sociali, le società di mutua assicurazione, nonché le società europee (di cui al regolamento Ce n. 2157/2001 e le società cooperative europee di cui al regolamento Ce n. 1435/2003), residenti nel territorio dello Stato; gli enti commerciali (che hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali), residenti nel territorio dello Stato; le società e gli enti commerciali di ogni tipo, compresi i trust, non residenti nel territorio dello Stato.

Quando? 30 Settembre

 

 

 

 

Blog Attachment
  • dichiarazioni

Related Posts